Home » Politica ed economia » economia » Competitività e sviluppo del territorio. Seminario all’Unione Industriale di Asti

Competitività e sviluppo del territorio. Seminario all’Unione Industriale di Asti

unione industrialeL’Unione Industriale della provincia di Asti ha organizzato un seminario dal titolo  “Competitività e sviluppo del territorio: il volano degli incentivi pubblici alla ricerca e all’innovazione”.
L’Incontro si è prefisso lo scopo di illustrare gli incentivi che Unione Europea, Stato e Regione Piemonte mettono in campo al fine di stimolare l’attività di ricerca e l’innovazione nelle imprese Piemontesi. Il Presidente dell’Unione Industriale della Provincia di Asti, Paola Malabaila ha aperto la sessione di lavoro accogliendo i relatori: Gaia della Rocca – Delegazione Confindustria presso l’Unione Europea che ha illustrato i fondi a gestione diretta ed il programma Horizon 2020, il programma comunitario mediante il quale l’Unione Europea intende cofinanziare  l’attività di ricerca delle Piccole e Medie Imprese e Nicoletta Amodio – Politiche  Territoriali, Innovazione e  EducationRicerca e Innovazione  di Confindustria Roma cui intervento è stato dedicato agli incentivi offerti dallo Stato a favore delle imprese che intendono avviare un’attività di ricerca e sviluppo finalizzata a creare nuovi prodotti e/o processi produttivi.
L’Assessore Regionale alle Attività produttive, Giuseppina De Santis, è intervenuta  invece sugli incentivi Regionali che verranno messi in campo mediante il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, con un particolare riferimento agli incentivi offerti dai Poli di Innovazione.
“Far conoscere alle nostre imprese le possibilità offerte da tali incentivi ritengo sia di assoluta importanza – ha affermato il presidente Malabaila -. Tornare a crescere a ritmi sostenuti per la nostra economia è possibile purché le imprese sappiano trasformarsi ed innovare ed avere fondi per il finanziamento di ricerche è fondamentale. Questi fondi sono benzina indispensabile per riattivare la crescita e le nostre imprese devono fare il possibile per sfruttarli nel migliore dei modi”.