Home » Primo Piano » attualità » Protezione Civile Città di Asti: 1400 ore di lavoro per 136 interventi in 11 mesi

Protezione Civile Città di Asti: 1400 ore di lavoro per 136 interventi in 11 mesi

protezione civileQuarantasette volontari operativi, di cui sette capisquadra e quattro reperibili ventiquattro ore su ventiquattro.Centotrentasei interventi in undici mesi, di cui ottanta finalizzati alla prevenzione dei rischi sul territorio. Sono questi i numeri imponenti che delineano l’Associazione Volontari Protezione Civile Città di Asti, vero fiore all’occhiello per la Città, presentati alla conferenza stampa di fine anno, svoltasi nei locali della Polizia Municipale alla presenza del Prefetto Faloni, del Questore Di Francesco, del comandante della Polizia Municipale Saracco e del sindaco Brignolo.
L’associazione, presieduta da Oscar Ferraris,  ha saputo organizzarsi e strutturarsi con protocolli e regole così rigorosi, da integrarsi ormai perfettamente nel sistema costituito dalla forze dell’ordine e di sicurezza, come ha riconosciuto il Prefetto Faloni nel proprio intervento.
Nella relazione illustrativa si è messo in evidenza come l’associazione conti ormai su un ampio corpo di volontari, tutti sottoposti a stretta vigilanza sanitaria, sottoposti a rigorosi addestramenti e titolari di certificazioni per ogni attrezzatura impiegata.
“Quest’anno per la prima volta il Versa nonostante le forti piogge non ha invaso il corso Alessandria e i capannoni industriali della zona; questo grazie al fatto che l’associazione nei mesi scorsi ha provveduto alla pulizia del corso d’acqua a monte della Città” ha dichiarato il sindaco Fabrizio Brignolo.
Il Sindaco ha voluto “ringraziare questa associazione che con l’attività di prevenzione e monitoraggio, non solo sul Versa ma anche sul Tanaro, il Borbore e gli altri corsi d’acqua, ha consentito di ridurre i rischi, pulire gli alvei nei punti più critici e rimuovere discariche abusive e rami che formano dighe naturali”.
“Questa condotta -ha aggiunto il sindaco- è ancor più ammirevole se si pensa che viene svolta spesso di sabato e domenica mattina, quando, anziché dedicarsi al meritato riposo dalle attività scolastiche e lavorative, i volontari si dedicano alla comunità”.
Complessivamente nei primi undici mesi del 2014 i Volontari della Protezione Civile Città di Asti sono stati impegnati per circa 1400 ore di attività, con un picco nel mese di ottobre per i molti interventi di prevenzione idraulica sulle aste fluviali di Borbore e Versa.
Tutti i rappresentati delle istituzioni intervenute hanno ringraziato l’associazione e il presidente Oscar Ferraris per l’opera svolta e hanno auspicato il mantenimento e l’incremento della collaborazione che, tra l’altro, ha quest’anno visto i volontari astigiani operare anche a Genova a seguito dell’alluvione.
Il sindaco ha anche comunicato che l’amministrazione sta lavorando per individuare una sede più ampia per il magazzino dei mezzi, poiché la soluzione attuale non è più adeguata al numero di mezzi e attrezzature che si sono incrementati negli ultimi anni.