Home » Sport » AstiNuoto in Coppa Rio aspettando l’imminente apertura della piscina di Asti

AstiNuoto in Coppa Rio aspettando l’imminente apertura della piscina di Asti

Astinuoto - GAZZETTA D'ASTISabato e domenica, con la Coppa Rio di Torino, si apre il 2015 agonistico. Sui blocchi di partenza del Palazzo del Nuoto saliranno 16 atleti dell’AstiNuoto che svolgeranno un importante test dopo il periodo delle festività. Proprio alla vigilia di questa gara, è arrivata la lieta notizia della riapertura della piscina comunale di Asti: dal 31 gennaio i ragazzi guidati da Paolo Ruscello potranno finalmente tornare ad allenarsi tra le corsie di casa, dopo mesi di onerose e impegnative trasferte tra Torino e Alba per cercare di svolgere al meglio il primo periodo di preparazione.

L’AstiNuoto presieduta da Giovanni Palumbo è pronta ed entusiasta di tornare a svolgere la propria attività nella piscina di via Gerbi: malgrado le difficoltà logistiche di cui si è abbondantemente discusso, la società nata nel 1981 può contare su 46 tesserati tra cui due atlete che parteciperanno ai Campionati Italiani Assoluti (Mihaela Bat e Francesca Grillo) e tre atleti che hanno già conseguito i tempi limite per i Campionati Italiani di categoria (Serena Viarengo, Davide Allegretti e Giulia Pontarollo).

“Finalmente possiamo ritornare a nuotare ad Asti – dice con sollievo il responsabile tecnico dell’AstiNuoto Ruscello – Il gruppo, seppur numericamente ridotto rispetto alla scorsa stagione, è rimasto unito e ha mantenuto la stessa motivazione. I ragazzi sono in crescita e ora che potranno lavorare con più serenità riusciranno ad essere protagonisti nelle rispettive categorie e in alcuni casi anche in ambito assoluto”.

“Sembra che questo periodo di grande difficoltà sia quasi terminato – dice il presidente Palumbo – sono contento che gli atleti che hanno già conseguito i tempi limite per i campionati italiani possano tornare ad allenarsi tra le corsie di casa, ma sono ancora più soddisfatto della reazione e della compattezza dello zoccolo duro della società, quei 46 tesserati che grazie ad una forte determinazione e al sostegno e alla passione delle loro famiglie hanno tenuto duro in questi mesi”.