Chi siamo

 

Il sito Gazzetta d’Asti.it appartiene alla Gazzetta d’Asti.

REDAZIONE

La redazione del giornale è diretta da Vittorio Croce che ne coordina i lavori.

 

Condizioni di fruizione del servizio

 

OGGETTO
Le presenti condizioni disciplinano l’accesso, l’erogazione e la fruizione del servizio denominato Gazzetta d’Asti.it, ubicato all’indirizzo web http://www.gazzettadasti.it, di seguito denominato Servizio.
Il Servizio è offerto da Gazzetta d’Asti (amministratore delegato Bruno Rabino), con sede legale in Asti, Italia, di seguito denominata Fornitore.
Il fruitore del Servizio sarà di seguito denominato Utente.
Il Servizio non può essere ceduto a terzi né a titolo oneroso né gratuitamente.

 

RISERVATEZZA
Per quanto concerne la politica del Fornitore riguardante la tutela della riservatezza e della confidenzialità dei dati personali degli Utenti fare riferimento alla nostra Informativa sulla privacy che trovate a QUESTA pagina.

 

GARANZIE E RESPONSABILITÀ
Il Servizio è fornito così com’è. L’uso del Servizio da parte dell’Utente avviene a suo rischio. Il Fornitore non è responsabile in nessun caso degli eventuali danni derivanti dall’utilizzo, o dall’impossibilità di utilizzo, del Servizio.
Il Fornitore non si assume nessuna responsabilità sul contenuto pubblicato, né per eventuali danni, perdite, mancati guadagni, ecc. in conseguenza dell’utilizzo del Servizio o sull’attendibilità dei suoi contenuti.

 

COPYRIGHT
È fatto esplicito divieto di riprodurre anche parzialmente i contenuti del Servizio, in qualsiasi forma, senza il preventivo consenso scritto del Fornitore.
È possibile tuttavia riprodurre la definizione di uno o due lemmi all’interno di un altro testo quando questa inclusione è strumentale a documentare quanto sostenuto o per spiegare il significato di un singolo termine o di una regola grammaticale. In tal caso è obbligatorio citare la fonte: Dizionario Italiano e, se il mezzo lo consente, debitamente linkata alla pagina principale del sito web (http://www.gazzettadasti.it).

 

LINK e UTILIZZO DEL MODULO DI RICERCA SU SITI DI TERZI
È possibile inserire su altri siti web il modulo di ricerca di Gazzetta dAsti. In tal caso è fatto divieto di modificarne minimamente il codice e in particolare il contenuto del bottone «Cerca».
È altresì possibile inserire liberamente un collegamento alla pagina principale del Servizio, ma non è consentito un collegamento alle sue pagine interne.
È fatto esplicito divieto di inserire un collegamento al Servizio oppure il nostro modulo di ricerca su qualsiasi sito avente contenuti per adulti e su siti contrari alle leggi vigenti nella giurisdizione in cui questi siti hanno la loro sede legale.
In ogni caso non sono ammessi siti che pubblicano contenuti antisemiti, che propagandano tesi negazioniste, che incitano all’odio razziale, che fanno apologia di fascismo, che sono favorevoli allo sfruttamento dell’uomo sull’Uomo.
Il Fornitore si riserva il diritto, a suo insidacabile e inappellabile giudizio, di vietare l’inserimento di detti collegamenti o del modulo di ricerca. La non rimozione del collegamento o del modulo di ricerca, su richiesta del Fornitore, anche solo tramite e-mail, si configura come violazione del copyright e come tale verrà perseguita legalmente.