In vista della seconda edizione dell’Asti God’s Talent,il talent show dei cori giovanili diocesani organizzato dalla Pastorale Giovanile in occasione della Giornata mondiale della Gioventù, che si terrà sabato 19 marzo alle 21 al Teatro Alfieri presentiamo i sette cori in concorso. Coro di Villanova “E’ bello scoprire che un gruppo nato con la specifica finalità di partecipare ad Asti God’s Talent, in realtà cresce insieme e diventa qualcosa di più: c’è un rapporto, che diventa simpatia, che diventa amicizia. Fino a che si capisce che il talent è solo un passaggio, il vero scopo è stato ottenuto! Il clima che si respira alle nostre prove è di impegno ma anche e soprattutto di allegria: è una di quelle abitudini che diventano piacevoli, l’appuntamento del venerdì”. Sono le parole di una giovane corista, che insieme agli altri ragazzi forma il coro dei giovani di Villanova d’Asti. Partendo questa settimana proprio dai vincitori della scorsa edizione, andiamo a conoscere un gruppo che non è affatto formato da principianti, visto che tutti i componenti sono da tempo attivi in parrocchia, animando la messa domenicale e le feste, con una lunga esperienza corale alle spalle. Punto di grande forza è il fatto che il regolamento permetta l’inserimento di coristi “over 35”, che hanno portato il loro sostegno e la loro esperienza, oltre alle loro bellissime voci, lasciandosi travolgere dall’entusiasmo dei più giovani. “Già dalle prime prove non è stato difficile creare sintonia tra noi; anzi, grazie a questa occasione abbiamo riscoperto la gioia della passione che ci univa: il canto”, racconta la corista Roberta Margari. In questo percorso alcune persone hanno avuto un ruolo particolarmente importante come guide e sostenitori. Ognuno di loro ha saputo condividere la propria esperienza ed il bagaglio acquisito in realtà esterne, come i cori della “Bissoca” e “Ora è tempo di gioia”, motivando così l’intero gruppo, amalgamando al meglio le voci e soprattutto arricchendo personalmente i giovani parrocchiani. Il grazie più sentito dei coristi va a Flavia Lanza e Francesca Gilli, le due direttrici del coro, che hanno creduto in loro, li hanno pazientemente preparati e spronati: “L’entusiasmo travolgente dei ragazzi e la loro energia mi hanno sempre travolta e dato la carica per preparare me e loro al talent, ma quest’anno qualcosa è cambiato: mi ritrovo davanti dei ragazzi più maturi, che prendono le prove con maggior serietà e impegno, pur mantenendo sempre una buona dose di divertimento e allegria. L’impegno durante l’anno si è manifestato anche nelle prove per la Messa della domenica, prove che fino all’anno scorso erano concentrate in momenti particolari dell’anno e che invece, sotto la guida di Flavia, sono state istituite con regolarità. Finalmente ci sentiamo un coro! Cantare insieme ci dà gioia, ci unisce e ci fa sentire più vicini a Dio”, racconta Francesca Gilli. Il coro, che l’anno scorso aveva trionfato con la canzone dal sapore africano “Siyahamba, we are marching in the light of God”, quest’anno sarà composto da Giulia Carlucci, Sangita Tiberini, Roberta Romanelli, Roberta Margari, Jessica Iannì, Marianna Dellaferrara, Marianna, Giada Pisanelli, Marie-Jeanne Kone, Alessandro, Angelo Cavalla, Maurizio Sapiente, Federico Vigna, Federico Chiavaro, Antonio Mahagna, Marco Tomadon, Andrea Citiullo, Vittorio Gamba, Emanuel Favero, Marco Vallosio e dai musicisti Vittorio Gamba, Francesco Scaramuzzino, Federica Marocco e Francesco Carlucci. A giudicare i cori saranno una giuria tecnica, competente in canto, ballo e arrangiamento, formata da Andrea Pignatelli, Ivano Gallesio, Elena Fassio e Chiara Ruffinengo e da una giuria critica d’onore composta dal cantautore astigiano Paolo Conte, dall’assessore alla Cultura Massimo Cotto e da Mario Nosengo, direttore artistico della stagione invernale del Teatro Alfieri. Il primo, il secondo e il terzo classificato vinceranno buoni spendibili nel magazzino musicale Merula. A questi si aggiunge lo speciale riconoscimento dei lettori della Gazzetta d’Asti, partner del Talent che nelle settimane precedenti il concorso, hanno votato il coro preferito attraverso il giornale. Quest’anno varrà il 50% del voto del pubblico. La classifica parziale Castell’Alfero 135 voti; Torretta 75 voti; Don Bosco 73 voti; Cattedrale 64 voti; San Domenico Savio 30 voti; Cisterna-San Damiano 12 voti; Villanova 5 voti.