Un Friday for Future riuscitissimo. Questa mattina il centro di Asti era invaso da studenti di tutte le età, bambini, adulti, attivisti, insegnanti uniti insieme per salvare il pianeta. Un movimento ecologista che ha raccolto almeno un migliaio di persone che hanno sfilato per il centro storico intonando slogan e canzoni per sensibilizzare contro i cambiamenti climatici ma anche per indurre ognuno di noi a fare la propria parte.
“Fate l’amore e non inquinamento”.“No metano, no petrolio, distruggiamo il monopolio”; “Studenti in lotta, la terra non si tocca”; “Giù le mani dal nostro pianeta”;“Nessuna specie intelligente distrugge l’ambiente”; “Giù le mani dal nostro pianeta”; “One solution revolution”; “Fate l’amore e non inquinamento”, solo alcuni degli slogan urlati dagli eco-manifestanti.

Il rap dell’Anna Frank

I bambini della V classe della scuola elementare Anna Frank hanno invece scritto un vero e proprio rap.

DRIN…GREEN…QUEEN
Drin… è ora di pensare al Green
la Terra è la nostra Queen
non ci sono condizioni
solo la cura dei polmoni
dai licheni della Lapponia
fino al cuore dell’Amazzonia,
nessun segreto, nessun pin
dobbiamo lavorare in team
per un comune nome utente
che sia hashtag “ambiente”;
basta emissioni e inquinamento
difendiamo il clima
dal riscaldamento…
…globale
è solo l’impegno personale:
differenzia, ricicla, rispetta
così conquisteremo la vetta
per gridare “ecologia”
espandi l’eco in tutta la via…
non più speranza e buone intenzioni
scocca l’ora delle azioni…
Drin…Green…Queen!

Il corteo

La manifestazione partita da piazza San Secondo si è sondata per le vie del centro, invadendo con un fiume di colori e striscioni corso Alfieri. In piazza Cairoli gli eco-attivisti hanno tenuto un piccolo comizio poi il lungo corteo ha ripreso la sua marcia per concludersi in piazza San Secondo.

Foto di Roberto Signorini