Home » Primo Piano » redazionali » Da Rava e Fava la Giornata del capitale e del prestito

Da Rava e Fava la Giornata del capitale e del prestito

La cooperativa Della Rava e Della Fava  fin dal suo nascere aveva ben  chiaro che produzione e distribuzione di prodotti da agricoltura biologica e del commercio equo non potevano essere disgiunti dalla finanza in senso lato.
I progetti poggiano anche su risorse finanziarie e fin dall’inizio  la nostra cooperativa decide sull’autofinanziamento: raccolta di capitale e prestito sociale dai soci per intraprendere gl’investimenti necessari.
Parallelamente  inizia la collaborazione con la Mag 4 Piemonte  (Mag= Mutua Autogestione) e con Ctm Altromercato per quanto concerne la finanza etica e allargare la possibilità d’impiego del risparmio raccolto.
La raccolta del risparmio da parte dei soci di cooperative  è previsto e regolamentato da legge; deve essere previsto da statuto e normato da regolamento interno.
Il socio può aprire un libretto di risparmio  presso la cooperativa  sottoscrivendo un contratto in cui vengono dettagliate tutte caratteristiche del prestito e la somma depositata matura  un interesse , attualmente nella nostra cooperativa è l’1,5%  annuo lordo.
Nel momento dell’apertura  del  libretto il socio può scegliere la destinazione dei propri risparmi: 1) a sostegno delle attività della cooperativa stessa 2)  a sostegno di Mag 4 Piemonte affinchè possa finanziare cooperative sociali, organizzazioni agricole biologiche, associazioni culturali (www.mag4piemonte.it)  3) a sostegno del commercio  equo  tramite ctm altro mercato per il finanziamento di produttori, botteghe del mondo, empori solidali  (www.altromercato.it).
Almeno una volta all’anno i soci risparmiatori  vengono informati in modo trasparente  dell’impiego del proprio denaro.

rava

La finanza etica ha radici nell’obiezione monetaria  fortemente critica verso una finanza aggressiva e speculativa, sostenitrice di attività quali il commercio d’armi, e/o l’industria chimica. Dall’obiezione  si è passati a costruire un’alternativa. In Italia intorno agli anni  ‘ 80 del secolo scorso si sono costituite diverse cooperative MAG  con l’obiettivo primario di finanziare solo realtà che rispondessero a precisi criteri etici  di non sfruttamento dell’uomo e della natura. Dall’altro canto offrire un’alternativa a tutte quelle persone che avessero a cuore la destinazione dei propri risparmi  rispondendo  alla domanda: Cosa finanziate con i miei soldi?
Negli anni 90 nasce la prima Banca Etica italiana . Nel mondo intanto si moltiplicano le esperienze di Banche Verdi, di Mutue autogestite, di progetti di microcredito.
Finanziare i soggetti non bancabili, il migliore interesse è quello di….tutti,  trasparenza  assoluta  su cosa si fa con i soldi raccolti e sui soggetti finanziati…..sono in pillole le caratteristiche di una finanza consapevole ma anche sostenibile.
Pensiamo che nel nostro piccolo l’esperienza di risparmio sociale e solidale  attivato come cooperativa possa essere propedeutico per un’educazione all’uso del denaro   e per accrescere la consapevolezza che con i  nostri soldi  possiamo decidere  quale modello di sviluppo finanziare.
Da consumatore critico a risparmiatore consapevole il passo è breve ma  a volte un po’ più complicato raggiungere.
L’importante è alimentare il più possibile un circuito virtuoso del denaro che generi una ricchezza  diffusa.
Per saperne di più  abbiamo organizzato un’altra giornata del Capitale e del Prestito sabato 18 febbraio con l’intento di spiegare ed approfondire cos’è il capitale sociale di una cooperativa,  come si diventa socio  sovventore, come funziona il prestito soci e come si apre un libretto di risparmio sociale.
rava e fava logoPer informazioni:
cooperativa Della Rava e Della Fava  0141-210911
info@ravafava.it
www.ravafava.it