Home » Scuola e università » Primi sopralluoghi nelle scuole astigiane: un milione e seicento mila euro per rimetterle in sesto

Primi sopralluoghi nelle scuole astigiane: un milione e seicento mila euro per rimetterle in sesto

Primi sopralluoghi del sindaco nelle scuole della Città: un milione e seicento mila euro per rimetterle in sestoPrimi sopralluoghi del sindaco nelle scuole della Città: un milione e seicento
mila euro per rimetterle in sestoUn milione e seicentomila euro: è questa l’entità del mutuo messo a bilancio dal Comune di Asti (dopo anni in cui la città non ricorreva al credito) e interamente destinati a rimettere in sesto tra il 2015 e il 2016 le nostre scuole.

Il sindaco Fabrizio Brignolo, accompagnato dall’assessore ai lavori pubblici Alberto Bianchino e all’istruzione Marta Parodi, ha dato il via a una serie di incontri nelle scuole cittadine per incontrare direttori, insegnati e ragazzi, per verificare di persona le priorità e illustrare gli investimenti in progetto. La prima scuola visitata è stata l’elementare Gramsci dove è appena stata risistemata la palestra, da tempo chiusa, ristrutturata grazie all’intervento fatto “in economia” dalle “borse lavoro” del Comune.

“E’ importante che questa ristrutturazione sia stata fatta da persone che ricevono un aiuto economico dal Comune: stiamo modificando le forme di sussidio, trasformandole da aiuto a fondo perduto a contributo finalizzato a ottenere in cambio anche un ritorno per la comunità, sotto forma di prestazione d’opera” ha commentato il sindaco Fabrizio Brignolo. Alla Gramsci sono ora in previsione lavori per completare la riparazione dei cornicioni e del tetto. La seconda tappa è stata alla scuola materna Bottego, che presenta infiltrazioni che rendono inutilizzabili alcune parti dell’edificio nei giorni di pioggia: il rifacimento del tetto di questa materna è in cima all’elenco delle priorità dei lavori da fare con il milione e seicento mila euro a mutuo. Sindaco e assessori si sono quindi trasferiti alla scuola Pascoli dove si è constatato il completamento del rifacimento del tetto, appena concluso: anche in questa scuola, fino all’estate scorsa nelle aule dell’ultimo piano si vedeva gocciolare. Sono stati individuati i prossimi interventi necessari, su ascensore, bagni e serramenti, che gradualmente saranno affrontati. La serie di sopralluoghi si è conclusa alla scuola elementare di Quarto: gioiello d’altri tempi, nel verde della frazione, con classi ben nutrite di allievi, i cui genitori hanno deciso di puntare sul ritorno alle scuole frazionali. La scuola è risultata in ordine dal punto di vista delle condizioni strutturali e gli amministratori, accompagnati dai tecnici che si occupano della manutenzione, hanno preso nota degli interventi, meno impegnativi, ma comunque importanti, segnalati dalle insegnanti. Nelle prossime settimane proseguiranno i sopralluoghi di sindaco e assessori nelle altre scuole della città.

“Le scuole sono il luogo in cui i nostri figli e nipoti trascorrono molte ore della loro giovinezza: è importante garantire condizioni di sicurezza e decoro; per questo –hanno dichiarato Brignolo, Bianchino e Parodi- abbiamo messo come priorità assoluta questi interventi”.