Una serata di grande emozione, quella andata in scena ieri sul palco di piazza Cattedrale. L’Asti God’s Talent, la sfida canora fra cori diocesani, ha fatto il pieno di pubblico e ancora una volta si è confermato uno degli appuntamenti più attesi del cartellone di Astimusica.

Sette i cori in gara (Don Bosco, San Domenico Savio, Villanova, Coro della Chiesa evangelica di via Parini, Torretta, Cattedrale e Refrancore) che sono stati giudicati da una giuria d’eccezione con a capo Paolo Conte, vicepresidente Mario Nosengo, composta  dalla ballerina Simona Atzori (premi Coreografia e Scenografia), l’attrice Chiara Buratti (premio Miglior interpretazione), l’educatore Gigi Cotichella (premio Pelle d’oca), il musicista Marco Maccarelli (premio Miglior inedito) e il musicista Mauro Tabasso (premio Miglior arrangiamento e Miglior performance musicale).

La serata è stata presentata da Davide Celestre, Lorenzo Giaretto e Sara Bertocco.
Valore aggiunto della serata l’esibizione dell aballerina Simona Atzori che ha incantato la platea di piazza Cattedrale con la sua danza.

Ecco tutti i premi.

Il premio Gazzetta d’Asti, assegnato dai lettori del nostro giornale è andato a Refrancore, poi Cattedrale e San Domenico Savio.

Il premio migliore coreografia è stato assegnato alla Torretta, a seguire Don Bosco e San Domenico Savio.

Il premio migliore interpretazione al Don Bosco, poi Chiesa Evangelica di via Parini e Refrancore.

Il premio migliore Inedito è andato a Villanova (Cuori Uniti), poi San Domenico Savio.

Il premio migliore Scenografia è stato assegnato a San Domenico Savio seguito da su Torretta e Villanova.

Il premio migliore arrangiamento è andato alla Cattedrale, poi San Domenico Savio e Torretta.

Il premio migliore performance musicale è stato assegnato alla Chiesa Evangelica di via Parnini.

Il premio Pelle d’oca è andato allla Chiesa Evangelica di via Parini, quindi Torretta e Refrancore.

Il premio del pubblico (il coro più votato in piazza) è andato al Don Bosco.

Foto di Roberto Signorini